Bandiera italiana Bandiera inglese Bandiera tedesca Bandiera francese Bandiera cinese Bandiera giapponese

VENDEMMIA 2017

Vendemmia aziendale Numero 53

Vendemmia Numero 34 di Mauro Sirri

Il 2017 ha visto l’intensificarsi degli effetti di un cambiamento climatico ormai evidente anche agli occhi dei più scettici, scarse piogge e temperature elevate hanno messo a dura prova le vigne, specialmente in alta collina.
I vigneti più vecchi, con apparato radicale sviluppato e profondo, hanno chiaramente reagito meglio sviluppandolo ulteriormente verso la roccia, lo “Spungone Romagnolo” (roccia tufacea con elementi fossili marini tipica della nostra zona). Hanno quindi estratto micro elementi di qualità che contribuiranno ad arricchire la personalità e carattere delle nostre produzioni.
I vigneti più giovani hanno sofferto maggiormente una stagionalità eccezionale, con effetti negativi specialmente nelle quantità, con una perdita di produzione di circa il 50 %.
In 34 anni d esperienza e di vendemmie non mi era mai capitato di iniziare la raccolta la prima settimana di Agosto, esattamente l’8 Agosto, praticamente 3 settimane prima rispetto alla media degli ultimi dieci anni che dobbiamo comunque considerare anomali, tenendo conto che negli anni 70 si vendemmiava il sangiovese ad ottobre.
In questo panorama non molto piacevole si stanno manifestando anche i lati positivi: innanzitutto le aree più vocate e i vigneti più interessanti hanno dimostrato di cavarsela anche in condizioni estreme. I vignaiuoli sapienti hanno elaborato strategie di gestione agronomica tali da preservare la qualità, uve sanissime con pochissimi interventi fitosanitari, parametri analitici interessanti, con zuccheri, ma anche estratti, e ottima componente acida.
Le vendemmie dell’ultimo decennio ci hanno messo a dura prova, a volte compromettendo anche gli equilibri economici aziendali. Tuttavia noi dell’Azienda CELLI ne siamo usciti rafforzati e abbiamo sviluppato anticorpi e conoscenza che ci danno fiducia per il futuro.
Questa nostra esperienza ci ha indotto ad iniziare il percorso della “conversione biologica” di tutti i vigneti con l’annata 2018. Nuovi obbiettivi, nuove sfide.
Naturalmente il giudizio definitivo sulla vendemmia 2017 dovremo darlo nella prossima primavera, ma mi sento di anticipare che avremo vini di grande qualità. Purtroppo le rese per ettaro sono state drasticamente ridotte. Nonostante ciò l’Azienda CELLI cercherà di mantenere politiche di prezzo bilanciate tra gli equilibri economici aziendali e le aspettative dei consumatori.
Fidatevi, non vi abbiamo mai tradito in più di mezzo secolo di vendemmia, e non vi tradiremo neanche con l’annata 2017.

Mauro Sirri